giovedì 25 gennaio 2018

[Recensione] Parlami d'amore di Helen J. Evans

Buongiorno a tutti!
Come procedono le vostre letture? Le mie a rilento perché sto scrivendo una parte del nuovo romanzo che mi sta consumando tutto il tempo (e anche la pazienza) a mia disposizione. Tristezza  :( 
Nonostante gli impegni e tutto quanto, rieccomi qua con una nuova recensione! Il libro di cui vi parlo è un romance contemporaneo ambientato tra Londra e Dilton Marsh. Una commedia romantica da gustare fino alla fine! ^^ Come sempre vi lascio trama e info qua sotto ↓ Buona lettura!

Titolo: Parlami d'amore
Autore: Helen J. Evans
Editore: Self-publishing
Genere: Romance contemporaneo
Pagine: 248 (ebook)
Prezzo: 1,99€
Data di uscita: 29 settembre 2017

Amazon - Facebook (pagina autrice)

Trama


Amy Walsh ha tutto quello che desidera: una carriera in una casa editrice, alcuni romanzi pubblicati in libreria e soprattutto ha James, il ragazzo con cui sta dai tempi dell’università. Ha intenzione di costruire insieme a lui una famiglia, e sta facendo mille sacrifici per riuscire ad avere il matrimonio che ha sempre sognato. 


Ma quando Amy scopre che James la tradisce, tutto il suo mondo crolla come un castello di carte. Distrutta dal dolore e dalla delusione, si rifugia a casa dei suoi amici Katy e Richard nel paesino di Dilton Marsh, e proprio lì incontra Matthew. E, nonostante il cuore spezzato, forse Amy riuscirà a ritrovare la fiducia nell’amore.

Recensione

Ho letto questo romanzo un po' di tempo fa, ma non avevo ancora avuto il tempo di riportare i miei pensieri dal quadernetto degli appunti al foglio digitale, per cui rimedio subito, ora che ho qualche momento libero! (Abbiate pazienza ma qualcosa dovevo pur sacrificare e a farne le spese è stato il blog). Comunque sto recuperando pian piano tutte le recensioni e la lettura dei romanzi in arretrato... e oggi tocca a Parlami d'amore scritto da Helen J. Evans, che ho già conosciuto come autrice fantasy con la sua serie fantasy/vampiresca Sunset (trovate le recensioni dei tre volumi a questi link → Sunset #1; Nightfall #2; Sunrise #3).
La prima cosa che mi ha attirato di questo romanzo è stata l'immagine scelta in copertina, che è la prima cosa che si nota a colpo d'occhio: dolce e che esprime tanta tenerezza e tranquillità. Merito anche dell'impaginazione semplice, senza troppi caratteri arzigogolati che a me non piacciono per niente. Poi ho letto la trama e mi ha stuzzicato il fatto che la protagonista lavorasse in una casa editrice, quindi non potevo lasciarmelo scappare!
Amy è una ragazza con i piedi per terra, con un lavoro che le piace (fa la editor) e la soddisfa dal punto di vista professionale; ma ha anche un secondo lavoro, che è la sua vera passione e che nell'ultimo periodo ha un po' tralasciato per dedicarsi all'impiego principale nonché la sua fonte primaria di reddito. Amy, infatti, ha una seconda identità, per separare le due carriere in modo da tenerle ben distinte l'una dall'altra. Tutto procede alla normalità, senza grandi aspettative per Amy, fino a quando il suo editore non le chiede di presentargli qualcosa di nuovo da pubblicare... e Amy entra in crisi perché in quel periodo ha pensato solo a correggere i manoscritti degli altri scrittori, tralasciando i propri. Per cui si ritrova a dover improvvisarne uno in tre giorni. La fretta non è mai una brava consigliera, in più lo stress per l'imminente matrimonio con James sta consumando praticamente tutte le sue energie e anche la sua concentrazione, tanto che non si accorge di talune avvisaglie che le avrebbero potuto di sicuro risparmiare una terribile delusione amorosa. Da una parte il troppo darsi per scontati e dall'altra l'insicurezza di un rapporto che non si sa più dove condurrà. A un matrimonio? Sì, beh... un passo tanto importante, quanto semplice, perché se ci pensate bene bastano due firme e il gioco è fatto. Diciamo che è quello che c'è dietro a quelle firme a spaventare di più. Ed è proprio quello che accade a un certo punto a James che crolla in un circolo vizioso di bugie, assenze e tradimenti. Avrei voluto prenderlo a testate per come si è comportato con Amy! Ma grazie a lui, Amy, riprende in mano la sua vita e incomincia di nuovo a respirare. Soprattutto dopo il suo arrivo a Dilton Marsh, un piccolo paese disperso nelle campagne inglesi a poche ore di treno da Londra.


In realtà quel viaggio non era stato affatto programmato, ma la sua migliore amica Katy la rapisce, nel senso che la costringe a seguirla fino a casa sua dopo una notte brava in discoteca. Anche Katy è in una sorta di crisi psicologica, seppure non sia in pericolo il suo matrimonio con Richard. Anzi, tutt'altro: sono molto affiatati e si prendono cura l'una dell'altro con una dolcezza senza pari. Amy non può far altro che fare il paragone tra il loro rapporto e quello che aveva con James e in tutta sincerità non ci si avvicina neanche lontanamente. In un fidanzamento bisogna essere in due. Due insieme, non separati; due con un'anima sola. Invece James è spesso fuori per lavoro e Amy si porta addirittura il lavoro a casa ed è assente con la mente anche nel suo tempo libero. Certo, se due persone sentono la necessità di stare vicine o in contatto trovano il modo per farlo. E se non lo fanno ecco che le distanze diventano incolmabili pur vivendo nella stessa casa.
Ma niente è perduto, perché come si dice: "Ogni lasciato è perso e il perso, prima o poi, lo acchiappa qualcun altro!".
Fortuna che in quel paesino disperso nel nulla incontra un ragazzo con il quale trova subito un certo feeling, già dal primo sguardo. Matt ha qualcosa che la attira e spaventa allo stesso tempo, perché dopo una delusione come la sua non è semplice ricominciare da capo e pensare di instaurare un altro rapporto basato sulla fiducia.
Matthew, che di lavoro fa il giornalista, però riuscirà pian piano a far breccia nel suo cuore spezzato e a ripararlo un frammento per volta. Il problema sorge quando James raggiungerà Amy a Dilton Marsh con l'intenzione di riconquistarla... e allora sì che la protagonista entra in crisi! Al di là di quello che succede dopo, che non sto a specificare per evitarvi gli spoiler, il finale che Helen ha immaginato e saputo descrivere come la scena di un film è uno degli epiloghi più belli che io abbia mai letto in un romanzo rosa! *-* Cioè è fantastico! Posso dirvi che c'entrano la pioggia e il vento. Due elementi per creare un'immagine incantevole!
Passiamo ora alla breve analisi dello stile: ho trovato che Helen abbia affinato il suo modo di scrivere libro dopo libro e sono rimasta stupita dalla sua versatilità perché può passare dallo scrivere di vampiri e magia al buttarsi a capofitto nella narrativa contemporanea con una facilità impressionante. Sicuramente il fatto di avere qualche fantasy alle spalle le ha permesso di valutare e inserire dei colpi di scena in più e dei momenti di suspense che servono al lettore per metabolizzare gli avvenimenti. Bene anche per quanto riguarda i dialoghi e il linguaggio non troppo smielato. Per la parte descrittiva Helen è piuttosto precisa e attenta a cogliere i dettagli essenziali che colpiscono più di un ambiente o anche solo di un oggetto, senza prolungarsi eccessivamente in giri di parole ricercate che il più delle volte fanno perdere il filo del discorso. Insomma, lo stile c'è e si vede, seppure abbia trovato una o due ripetizioni qua e là, ma ci sta! Sono la prima a ripetere gli aggettivi e gli avverbi, quindi fino a che sono pochi va benissimo. So che Helen cura le sue opere dall'inizio alla fine, per cui è lei che si occupa dell'editing e secondo me ha fatto un gran bel lavoro! 
Una nota negativa, se così si può definire, è che è finito troppo prestooooo!! Avrei voluto leggere qualche capitolo in più, ma solo perché mi sono affezionata così tanto ai personaggi da non volermene separare.
"Parlami d'amore" è una commedia romantica che profuma di fresco ma anche di vita quotidiana, nel quale sono combinate con la giusta dose sia la parte briosa che quella più sentimentale. L'atmosfera, poi, è un richiamo alle vecchie commedie inglesi con Hugh Grant o Colin Firth, che io adoro alla follia! 
In definitiva questo romanzo esce di poco dai canoni del classico romanzo rosa che siamo ormai abituati a leggere e ogni tanto fa anche bene leggere qualcosa di diverso, ma non per questo inferiore.
Detto ciò, aspetto con impazienza il prossimo romanzo di questa autrice!

Valutazione
Copertina: 8
Stile: 8
Trama: 8


1/2


Sono tanto contenta delle letture di questo ultimo periodo! Poche ma buone, senza dubbio! 💗 Spero di avervi incuriositi con questa mia recensione!
Vi do appuntamento alla prossima (spero presto),
Tania

mercoledì 24 gennaio 2018

Www Wednesday #1


Come tutti i mercoledì vi presento la rubrica Www Wednesday (ideata dal blog Should be reading), che consiste nel rispondere a tre domande
- What are you currently reading (Cosa stai leggendo?)
- What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)
- What do you think you'll read next? (Cosa hai intenzione di leggere dopo?)



What are you currently reading? (Cosa stai leggendo?)


Sto ancora leggendo il terzo volume della serie delle Paturnie! Ho poco tempo a disposizione e vado un po' a rilento, ma ogni volta che lo sfoglio mi rianimo grazie a Davide! XD
Spero di finirlo nel weekend!



What did you recently finish reading? (Cosa hai appena finito di leggere?)




Molto carino! Trovate qui la mia recensione!



What do you think you'll read next? (Cosa hai intenzione di leggere dopo?)


Ho evitato di leggere le recensioni in giro per il web quindi non ho idea di cosa aspettarmi! Spero di non cadere di nuovo nel tranello del "grande thriller". XD



Queste sono le mie letture della settimana! Voi le conoscevate? Avete dei libri in particolare da consigliarmi? Si accettano consigli! ^^
A domani con un nuovo post! (Vi anticipo che si tratta di una recensione).
Stay tuned!
Tania

venerdì 19 gennaio 2018

[Recensione] Il ragazzo invisibile: Seconda generazione (Romanzo)

Buongiorno a tutti voi!
Sono tornata con una nuova recensione di un libro pubblicato qualche settimana fa da Salani Editore, in contemporanea con l'uscita del film diretto da Gabriele Salvatores. Si tratta del seguito de "Il ragazzo invisibile" e ringrazio la casa editrice per avermi inviato una Review Copy perché ero proprio curiosa di sapere come si sarebbe evoluta la storia! Intanto vi lascio tutte le info qua sotto ↓ e subito dopo trovate la mia recensione di questa storia appassionante!


Titolo: Il ragazzo invisibile: Seconda generazione.
Autore: Alessandro Fabbri, Ludovica Rampoldi, Stefano Sardo
Editore: Salani
Genere: Narrativa contemporanea/Urban Fantasy

Pagine158 (ebook) - 202 (copertina flessibile)
ASIN: B078746H8Y
ISBN: 978-8893813921
Data di uscita: 4 gennaio 2018 
Prezzo: 8,99€ (ebook) - 14,90€ (cartaceo)

Trama
«Avevamo ancora tanto amore per il nostro ragazzo invisibile, volevamo seguirlo di nuovo nelle sue avventure di adolescente che ha dovuto affrontare la difficoltà di essere uno speciale nella vita di tutti i giorni. »
Gabriele Salvatores

IL RAGAZZO INVISIBILE È CRESCIUTO. Michele Silenzi ha sedici anni e qualcosa nel suo sguardo è cambiato. Da quando ha perso la mamma gli adulti non possono fare a meno di compatirlo, vive da solo con il cane Mario in una casa disordinatissima e, come se non bastasse, la sua amata Stella sta con un altro. Michele è arrabbiato con il mondo intero, con se stesso e, più di tutto, con la verità che non può raccontare: essere uno degli Speciali. Ma nella sua vita irrompe una ragazza altrettanto speciale, con un’esistenza non meno complicata della sua: la sorella Nataša. E con lei arriveranno altre sconvolgenti rivelazioni sul suo destino, che si intreccia pericolosamente con quello del crudele magnate russo Zavarov, proprietario di un gasdotto che sta per essere inaugurato in città. Da quel momento il mondo a cui era abituato, fatto di scuola, aperitivi, serie tv, si sovrappone a quello sotterraneo, inquietante e incredibile degli altri Speciali: Michele ha finalmente un piano, una missione. Ma nessuna missione è senza imprevisti e la parte più difficile per ‘Miša’ sarà confrontarsi con il suo lato più oscuro. Dagli sceneggiatori dell’acclamata saga di Gabriele Salvatores, una storia appassionante che con le sue atmosfere dark sfida gli stereotipi del genere e rivela che l’impresa più difficile per un supereroe è essere normale.


Recensione
Aspettavo questo romanzo da quando ho "rispolverato" la storia del ragazzo invisibile attraverso il film andato in onda in chiaro su Rai1 a fine dicembre. A seguire, in un breve documentario, Salvatores spiegava l'evoluzione del personaggio nel corso degli anni e introduceva qualche filmato in anteprima tratto dal nuovo film. Vi posso garantire che quelle poche clip sono state in grado di suscitare molta aspettativa, nonché una curiosità corroborante che mi capita di provare solo quando qualcosa mi ispira davvero. Mi ero ripromessa di scappare al cinema non appena fosse uscito nelle sale, ma per varie ragioni (rientro dalle vacanze piuttosto movimentato) non ho avuto ancora l'occasione di vederlo. Ed ecco che si presenta l'occasione di leggere il romanzo: "Ma subitisssssimooooo!". Non vedevo l'ora che arrivasse a casa!
Dire che l'ho divorato è poca cosa. Sarà perché la storia mi è piaciuta dal principio e ormai mi ero affezionata ai personaggi già conosciuti nella precedente avventura, o perché appena sento pronunciare "supereroe" mi parte il radar in automatico. Fatto sta che il connubio di queste due ragioni principali mi ha portato a iniziarlo e a non staccarmene più fino all'epilogo. Ho chiuso il libro alle 3 di notte, con gli occhi spalancati nonostante la stanchezza, ma con un sorriso enorme da lettrice soddisfatta!
Ma procediamo per gradi.
Il protagonista, Michele Silenzi, è cresciuto molto da quando ha scoperto la sua vera natura ed è in piena fase critica: da ragazzino di tredici anni lo troviamo sedicenne e come tutti gli adolescenti sta subendo vari cambiamenti sia esteriori che interiori. Affrontare i cambiamenti è già difficile di per sé, se sei un normale adolescente, figurarsi un ragazzo "speciale" come lui. A peggiorare le cose ci si mette anche il destino (chiamiamolo così, perché poi nel finale verrà spiegato tutto quanto) che gli porta via la mamma adottiva, Giovanna Silenzi, alla quale peraltro aveva procurato qualche grattacapo, persino poco prima di quel terribile incidente: l'ultima cosa che le dice non è delle più simpatiche ed educate. Tutto perché nei compiti scritti prendeva ottimi voti e alle interrogazioni un po' meno... chissà perché. Tra l'altro la lite avviene per telefono e termina con Michele che interrompe la chiamata. Un normale rapporto tra madre e figlio, solo che dopo quella telefonata Michele non la rivede più e il rimorso di averla trattata male non gli dà pace. Il tormento di poter essere stato lui stesso la causa dell'incidente di Giovanna gli provoca incubi notturni e rimorsi per essere stato (secondo lui) un cattivo figlio. Per cui comincia pian piano a chiudersi in se stesso e a vivere con apatia le sue giornate. Nella città in cui vive, Trieste, non succede mai niente, i suoi amici hanno dimenticato tutto ciò che è successo nel sottomarino grazie ad Andrej (se non avete letto il libro precedente evito di dirvi chi è per non fare spoiler) che cancella la memoria a tutti i presenti, compresa Stella, la ragazza che gli ha rubato il cuore. Ora lei sta con Brando, che non si sa come, si è inventato di essere stato lui a salvata. Michele non può parlare, altrimenti addio copertura e a beneficiarne è proprio Brando che si prende il merito di tutto.
Rimasto senza nessuno al mondo - infatti, l'unico "speciale" che conosce non si è più fatto sentire - è costretto a vivere da solo - o meglio, insieme a Mario, il suo cane - in quella che era stata casa sua e di sua madre. L'unico contatto umano a scuola è Martino e di tanto in tanto Ana Maria, la collaboratrice domestica di Giovanna, insieme a Candela, la figlia di nove anni che sa del potere dell'invisibilità di Michele, vanno a fargli compagnia per qualche ora. Come se non bastasse, fra tutte le sfighe che ha attirato nella sua vita, ma soprattutto negli ultimi tre anni, ovvero da quando ha scoperto di essere uno "Speciale", si aggiunge anche l'arrivo di una ragazza nuova a scuola, Nataša. Strana, la ragazza! Strana e con un passato oscuro e violento. A colpirlo di più sono gli occhi, così uguali ai suoi... all'inizio non ci fa caso, ma dopo una festa, terminata con una bella botta in testa, Michele si risveglia in un posto diverso dal solito e... sbam! gli viene spiattellata in faccia la realtà dei fatti. Sua sorella è viva ed è proprio di fronte a lui e guardarla negli occhi è... è un po' come guardarsi allo specchio. Pochi istanti dopo, però, succede qualcos'altro di ancora più scioccante. (Ma non ve lo dico!).
Quello che posso dirvi è che il protagonista si trova immischiato in una vera e propria vendetta ai danni di un magnate russo. Zavarov, infatti, in passato aveva torturato e condotto degli esperimenti in segreto sugli Speciali, per cui Michele non può non acconsentire alla loro richiesta di aiuto. L'inaugurazione del nuovo gasdotto a Trieste sembra l'occasione buona per attuare il piano di rivalsa nei suoi confronti. E' un regolamento di conti che coinvolge un gruppo ristretto di Speciali, al quale si unisce Nataša e, inizialmente, anche Michele. Però si sa... non tutto è come sembra e a un certo punto il ragazzo si troverà a dover decidere tra il suo stesso sangue (la famiglia) e la coscienza. Il lato oscuro contro il lato buono, quello umano. Una scelta ardua, ma meno gravosa dopo aver saputo certi particolari a lui del tutto ignoti fino a quel momento. 
Questo, in linee generali, è quello che mi ha colpito dell'intera storia. Ho estromesso le parti rivelatorie per ovvie ragioni, ma anche quelle necessiterebbero di qualche osservazione in più. Mi riferisco a esempio al modo in cui Michele viene a conoscenza dell'identità della sorella: quella determinata circostanza (compresa anche la parte in cui incontra un'altra persona) avviene troppo in fretta, senza l'impatto emotivo adeguato. Il tutto si svolge in poche parole; il discorso viene liquidato tutto in mezza frase, praticamente. Nel film, grazie alla parte visiva e recitata, quasi sicuramente la suspense sarà accentuata, ma in questo frangente "scritto" ho trovato il fattore pathos poco presente. Forse è così che lo hanno immaginato gli autori o è dovuto al concetto del "non girarci troppo intorno" o ancora alla caratterizzazione di quel determinato personaggio per mantenere un certo filone narrativo. Oppure è solo colpa mia perché sono troppo esigente per quanto riguarda le descrizioni degli stati d'animo. Comunque, la mia è solo una considerazione soggettiva, di gusto personale. Tuttavia quel passaggio frettoloso non ha intaccato l'opinione generale del romanzo perché lo stile rimane intrigante, schietto e privo di fronzoli, ma altrettanto ricco di sfumature che riescono ad arrivare dritte al punto e a farti vivere all'interno della storia, proprio lì insieme a Michele, Stella, Andrej, al Dottor K, a Roccia, Morfeo, Ivan e a tutto il resto della banda formata sia dai "normali" che dagli "speciali".
Quando trovo un libro che mi piace vorrei non finisse mai e forse è per questo che avrei voluto leggere di più sulla storia di un personaggio o entrare più a fondo nella psicologia di uno piuttosto che di un altro. E a proposito di psicologia, mi sono tanto piaciuti gli accostamenti dei poteri extrasensoriali (invisibilità, telecinesi, telepatia e via dicendo) ai problemi interiori. Per esempio ne "Il ragazzo invisibile" Michele, stanco di essere preso di mira dai bulli, arriva al punto di desiderare di diventare invisibile. Caso vuole che lo diventi davvero, ma al di là della storia, l'analogia tra il potere dell'invisibilità (sovrannaturale) e il disagio interiore (normalità) di essere "bullizzati" viaggia sul medesimo binario. Il ragazzo invisibile (e anche il sequel di conseguenza), non è solo un fantasy, ma attraverso l'elemento soprannaturale analizza varie sfaccettature e tocca delle problematiche attuali piuttosto realistiche, che ognuno di noi, più o meno, ha vissuto o sta vivendo nella propria vita; dal malessere fisico, mentale, al sentirsi inadeguati, all'accettazione di se stessi, all'elaborazione dei lutti e alla solitudine. Quindi, ecco, attraverso il fantasy si possono portare avanti tante tematiche più complesse: si va al di là della classica distinzione fantasy/realtà, perché sono entrambe sulla stessa lunghezza d'onda. 
Per quanto riguarda la definizione che viene data di "supereroe" (Ne "Il ragazzo invisibile: seconda generazione") penso che sia riferita a una scelta, più che a un potere; la scelta dettata dalla coscienza e dalla morale, senza farsi travolgere o confondere le idee dal lato oscuro che arriva a compromettere la ragione. E' la scelta giusta che fa fare il grande salto, ovvero dall'essere un supereroe (quindi uno "speciale") al diventare un adulto (normale). 
A livello oggettivo niente da dire: trama che scorre via liscia e non si fatica a passare da un capitolo all'altro perché sono i capitoli stessi a guidare il lettore all'interno delle storie (e nelle vite) di tutti i personaggi implicati nella vicenda, per una visione a tutto tondo. Proprio come in un film. 
E a proposito del film, non so voi, ma spero di poterlo vedere a breve per fare il classico confronto "Meglio il libro o il film?". Voi lo avete visto? Che ne pensate?
Se non lo avete ancora visto o non ne avete mai sentito parlare, io intanto vi consiglio il primo della serie e anche questo che è ancora più avvincente e con vari colpi di scena in più, che non guastano mai.
Poi le varie ambientazioni, sia nel presente a Trieste, che nei flashback nel passato all'interno dei laboratori della "Città degli Speciali", lo rendono ancora più particolare nel suo genere. 
Confido in un terzo volume o al limite in un terzo film!
Curiosità: lo sapevate che esiste anche il graphic novel? Ve lo dico: io ci faccio un pensierino! 

Valutazione
Cover: 8 
Trama: 8
Stile: 7.5






Spero di non avervi annoiati con i miei sproloqui... e vi do appuntamento alla prossima recensione (a brevissimo!)!
Un saluto,
Tania

venerdì 22 dicembre 2017

Segnalazione #54 Solo una storia d'amore e di troppe parturnie #3 di Momi Gatto

Buon venerdì!!
E' tanto che non scrivo qui sul blog, ma mi sembrava giusto finire l'anno in bellezza con la segnalazione del nuovo romanzo di Momi Gatto che torna con l'ultimo volume della Trilogia delle Paturnie che aspettavo con molta, moltissima, impazienza! Eccovi tutte le info!


Titolo: Solo una storia d'amore e di troppe paturnie #3
Autore: Momi Gatto
Editore: Self-publishing
Genere: Narrativa rosa
ISBN: 978-8892696983
Pagine: 502 
Prezzo: 1,99€ ebook - 25€ (cartaceo)
Data di uscita: 2 dicembre 2017

Amazon - Kobo - Facebook

Trama
Il terzo e conclusivo capitolo della “Trilogia delle paturnie”.
Illudersi non va mai bene, ma sperare che i sogni si avverino non è sbagliato. Certo, per poterlo fare in santa pace bisognerebbe che le cose andassero come vuole il mio irresistibile pallanuotista, ma, anche se gli brucia un casino, non può sempre decidere lui come gestire la sua vita. Lo farà più avanti, perché, anche se lo dimentica spesso, è solo un ragazzo… Un ragazzo che è sconsigliabile “irritare” con meschini maneggi, soprattutto se coinvolgono drammaticamente la sottoscritta… Un ragazzo per cui verserò fiumi di lacrime ma che inseguirei in capo al mondo… Un ragazzo che quando ingrana la marcia e preme sull’acceleratore, non accetta un no come risposta.



La trilogia delle Paturnie (per maggiori info cliccate sulle immagini):



Per adesso ho letto il primo capitolo e ho ritrovato subito il Davide che avevo lasciato all'inizio del secondo volume (perché poi sono successe tante cose e la sua ironia si era un po' spenta, seppure sempre presente). Occhi a cuoricino ogni volta che leggo quello che dice a Giulia! ♥
Colgo l'occasione per augurare a voi tutti un Felicissimo Natale e anche di trascorrere le festività con le persone a voi più care! Non mangiate troppo, mi raccomando :D
Un saluto,
Tania

lunedì 20 novembre 2017

Cover reveal - Il colore del caos di Giovanna Roma


Buon lunedì!
Quale modo migliore di iniziare la settimana se non con un bel cover reveal? Via alle presentazioni! Ecco la cover de Il colore del caos, standalone di genere forbidden romance. Ancora una volta Letitia - RBA Designs ha dato vita a una copertina fedele al romanzo!
Ora vi lascio alla trama e a un irripetibile giveaway!




TITOLO: Il colore del caos
Self-publish
AUTRICE: Giovanna Roma 
GRAFICA:  RBA Designs - Romantic Book Affairs
FORMATO: digitale e cartaceo
DATA DI PUBBLICAZIONE: 12 dicembre 2017

BLURB REVEAL


Lui indossa jeans e tatuaggi. Io una divisa scolastica.
Lui ha un lavoro che ama, io una vita che odio.
Scott Turner è uno stronzo ventisettenne. Io, Allison Newborn, ammetto di essere una sedicenne difficile da gestire.

Gli sono caduta tra capo e collo e per questo crede di dettare le regole. Certo, continua a ripetertelo.
Abbandonata al lusso di una vita agiata, con due genitori sempre presi da sé stessi, è difficile obbedire agli ordini.

Tutto in lui gli urla di starmi lontano.
Tutto in me prega di combattere dei sentimenti che dovrei rinnegare.
Non abbiamo scelta, siamo costretti a trovare l'armonia in questo caos.
A volte gli incontri avvengono nel tempo sbagliato.
Ci trasformano per sempre.
Ci costano tutto.

Cos'altro può accadere a un amore proibito? 



✧ BOOKTRAILER ✧ 
                                 

Le sorprese non finiscono qui! *-*


Tutti coloro (bloggers letterari e non) che desiderano leggere & recensire in anteprima Il colore del caos, possono partecipare al contest:


  




ARC (Advanced Review Copy). 
Non sapete di cosa si tratta?
Semplice. ;) L'autore consegna un numero di copie del suo romanzo inedito in cambio di una recensione onesta (su blog, goodreads, kobo, amazon e tanti altri).
In palio ci sono solo copie digitali e l'invio della scheda, non comporta l'immediata e certa consegna del romanzo.
Avete tempo fino al 02/12/17 per rispondere.


Allora, cosa ne pensate? Ho stuzzicato la vostra curiosità? 
Seguite l'autrice sulla sua Pagina FB per essere sempre aggiornati, e unitevi al gruppo Giovanna Roma's News per avere accesso a tante anteprime e seguire la stesura dei suoi romanzi. Mi raccomando, condividete il post. <3 

Website / Instagram / Pinterest / Youtube / Pagina Amazon / Facebook / Google + / Twitter / Goodreads

domenica 19 novembre 2017

Segnalazione #53 Insight di Julia Simpson

Buona domenica a tutti!
Oggi il sole splende (per lo meno nella mia parte di cielo) e ho già incominciato a organizzare il pomeriggio rilassante ricco di ozio e buone letture all'aria aperta, magari.
E a proposito di letture, vi segnalo questo romanzo di recente pubblicazione, Insight di Julia Sienna. La trama è piuttosto intrigante! La trovate qui di seguito, insieme a tutte le info:


Titolo: Insight
Autore: Julia Simpson
Editore: Self-publishing
Genere: Narrativa (fantasy)
ASIN: B0777KL9Z4
Pagine: 573 (ebook)
Prezzo: 0,99€ ebook
Data di uscita: 6 novembre 2017

Amazon

Trama
Becca Wilson ha sedici anni, vive da sempre tra le grigie mura della Casa della Speranza, l'istituto per ragazzi della sua città e si nutre solo di sogni, quelli che germogliano dall'ammirazione per Wezenia Allevìnton, artista internazionale amata e ammirata da tutti. Il destino però ha deciso per lei qualcosa che non avrebbe mai aspettato. Becca diventa comparsa in un film di Wezenia, ha la possibilità di conoscerla da vicino. Di conoscerla davvero. Allo stesso tempo le è concesso di frequentare una singolare accademia di arti marziali, dove tutto è blindato, frequentato da allievi di un elitario collegio che le sono subito ostili.
Nel suo cuore cominciano a nascere strani sentimenti...
Chi è davvero il misterioso e solitario Daryl?
Cosa nasconde il dolce e solare maestro Taylor?
Quali sono le vere intenzioni di Wezenia?
Un amore malato.
Un amore proibito.
Un'oscura battaglia che ha radici nella notte dei tempi, e s'intreccia con la storia e il mito.
Per sconvolgere il presente.

Per le tematiche trattate, si consiglia la lettura ad un pubblico consapevole.



L'autrice
Julia Simpson ha venticinque anni, è da sempre una divoratrice di libri e un'appassionata di scrittura creativa. Vive con i suoi numerosi gatti e le sue due tartarughe, suona il pianoforte, ama la danza, le lunghe passeggiate nei boschi in autunno, e durante il tempo libero le piace dedicarsi anche al teatro. Insight è il suo primo romanzo.


Come dicevo prima, la trama mi ha proprio incuriosito! Chissà qual è il mistero di questa oscura battaglia! Voi che ne dite? Fatemi sapere!
Un saluto,
Tania

martedì 14 novembre 2017

Segnalazione #52 Come un Dio immortale di Maria Teresa Steri

Buongiorno a tutti!
Come state? Io sempre col Brufen a portata di mano, ma vabbè... ce la posso fare.
Oggi vi parlo del nuovo romanzo di Maria Teresa Steri intitolato "Come un dio immortale", un thriller sovrannaturale! Non ne ho letti molti in questo periodo, ma d'altronde vado a rilento per le troppe cose da fare, quindi mi sa che per leggerlo dovrò aspettare un bel po'. :( Ma nel frattempo gustiamoci la trama e tutte le info (qui di seguito):

Titolo: Come un dio immortale
Autore: Maria Teresa Steri
Editore: Self-publishing
Genere: Thriller/sovrannaturale

ASIN: B076VXT4J1
Pagine: 552 (ebook)
Prezzo: 2,99€ ebook - 15€ cartaceo
Data di uscita: 7 novembre 2017

Amazon - Blog - Facebook

Trama
Aggredito in un parco cittadino, Flavio si risveglia nella baracca di una giovane senzatetto, Lyra. Dopo essersi presa cura di lui per tre giorni, la donna lo manda via in modo brusco.
Tornato a casa, per Flavio nulla è più come prima. Il rapporto con la fidanzata va a rotoli, mentre crescono la passione e l'ossessione per la misteriosa Lyra. Indagando, Flavio apprende che a sei anni è scomparsa da casa senza lasciare tracce. Il suo caso però non è l’unico in città. Negli ultimi vent’anni, altre sei persone sono sparite nel nulla, e tutte erano collegate a un noto scrittore dell’occulto.
Convinto che Lyra sia scappata da una setta, Flavio è deciso a liberarla dal suo oscuro passato. Ma quando scopre che dietro la sua storia si cela una verità del tutto diversa, comincia a capire di essere anche lui una pedina di un gioco più grande, iniziato cinquant’anni prima. Un gioco che si fa sempre più pericoloso e che lo costringerà a mettere in dubbio tutto ciò che sa della sua vita e della realtà che lo circonda.

«Si fanno chiamare “Olimpo”», spiegò lei. «Ed è proprio ciò che sperano di diventare un giorno, un piccolo circolo di esseri superiori ai comuni esseri umani».


L'autrice


Maria Teresa Steri è nata nel 1969 e cresciuta a Gaeta. Dopo la laurea in Lettere e Filosofia si è trasferita a Roma, dove vive attualmente con il marito. Ha collaborato come giornalista pubblicista nella redazione di quotidiani e riviste per la scrittura di articoli, la revisione di testi e l’impaginazione.
Cura il blog Anima di carta (http://animadicarta.blogspot.it/) dedicato a chi ama scrivere e leggere. Si interessa di scrittura creativa e antroposofia. È un’appassionata di Alfred Hitchcock. I suoi autori di narrativa preferiti sono Ruth Rendell e Boileau-Narcejac.
Ha pubblicato nel 2009 il suo primo romanzo “I Custodi del Destino”, un thriller basato sull’idea della reincarnazione. Nel 2015 è uscito “Bagliori nel buio”, un noir con elementi sovrannaturali. “Come un dio immortale” è il suo terzo romanzo.


Ohhh che trama misteriosa! Non credete anche voi? Al sentir nominare lo "scrittore dell'occulto" ho rizzato le antenne!
Fatemi sapere cosa ne pensate.
Un saluto e a presto,
Tania

venerdì 10 novembre 2017

Segnalazione #51 Berserkr di Alessio Del Debbio

Buongiorno a tutti!
Rieccomi con una nuova segnalazione. Questa volta si tratta di un urban fantasy particolare, scritto da Alessio Del Debbio: Berserkr. I fan di questo genere non se lo possono proprio lasciar sfuggire! Per quanto mi riguarda sono curiosissima *-*
E' uscito proprio oggi in occasione del Pisa Book Festival e vi lascio tutte le info qui di seguito. 


Titolo: Berserkr
Autore: Alessio Del Debbio
Editore: Dark Zone Edizioni
Genere: Urban Fantasy

ISBN: 978-8899845209
Prezzo: 14,90€ cartaceo
Data pubblicazione: 10 novembre 2017
Amazon - IBS

Trama
Berlino, inizio del terzo millennio. La Guerra Calda è finita, gli Accordi dell’89 sono stati firmati e la città è stata divisa in sette zone, ciascuna assegnata a una delle antiche stirpi. All’interno della ringbahn vivono gli uomini, protetti dalla Divisione, incaricata di mantenere la pace e impedire sconfinamenti e scontri tra le stirpi. Misteriosi omicidi, provocati da sconosciute creature sovrannaturali, iniziano però a verificarsi in tutta la città, rischiando di frantumare il delicato equilibrio raggiunto. La Divisione incarica Ulrik Von Schreiber di indagare, aiutato dal pavido collega Fabian, ben sapendo quanto abbia a cuore il mantenimento della pace. Ma Ulrik non è soltanto un cacciatore, incarna lo Spirito Protettore della Città, l’Orso di Berlino, che non attende altro che liberare la propria furia.



L'autore
Alessio Del Debbio, scrittore viareggino, appassionato di tutto ciò che è fantastico e oltre la realtà. Numerosi suoi racconti sono usciti in riviste (come Con.tempo e StreetBook Magazine) e in antologie, cartacee e digitali (come I mondi del fantasy, di Limana Umanìta Edizioni, Racconti Toscani, di Historica Edizioni, Sognando, di Panesi Edizioni). I suoi ultimi libri sono il romanzo Favola di una falena (Panesi Edizioni, 2016) e i fantasy contemporanei Ulfhednar War – La guerra dei lupi (Edizioni Il Ciliegio, 2017) e Berserkr (Dark Zone, 2017).
Cura il blog “I mondi fantastici” che promuove scrittori di fantasy italiano. Scrive articoli per il portale di letteratura fantastica “Le lande incantate”. È presidente dell’associazione culturale “Nati per scrivere” che sostiene gli scrittori emergenti, soprattutto locali, e d’estate organizza la rassegna “Un libro al tramonto” – Aperitivi letterari a Viareggio, per far conoscere autori toscani.

E a proposito del Pisa Book Festival... c'è qualcuno di quelle parti che ha in programma di partecipare agli eventi organizzati il 10-11-12 novembre? Fatemi sapere!!
Un saluto e a presto!
Tania

giovedì 19 ottobre 2017

Segnalazione #50 Parlami d'amore di Helen J. Evans

Buongiorno a tutti!!
Torno a scrivere sul blog dopo un po' di tempo. Dopotutto un blog deve essere aggiornato quando c'è qualcosa da dire e di cui parlare, giusto? XD "Dillo, Tania... ti eri dimenticata di avere un blog! Ammettilo, AMMETTILO!!!" 
In realtà il rientro dalle vacanze è stato piuttosto traumatico perché mi è saltata un'otturazione e non vi dico che mal di denti. Non ho dormito per giorni anche con gli antidolorifici e antibiotici. Sono un po' fuori fase e purtroppo questa situazione si protrarrà fino a metà novembre per la cura canalare. Ahimé mi tocca aspettare tantissimo... ma tolto il nervo, tolto il dolore. Non vedo l'ora di poter mangiare una mega-pizza, da gran ingorda quale sono. XD
Non ho scritto granché in questi giorni, il che mi dispiace perché ero nel bel mezzo di un romanzo che per forza di cose ho dovuto mettere da parte. Non è proprio un bel periodo, ma cerco di vedere le cose dal lato positivo. O almeno ci provo.
E quindi per distrarmi un po' vi segnalo un libro di recente pubblicazione "Parlami d'amore" scritto da Helen J. Evans, autrice della trilogia fantasy (vampiri) "Sunset" (le recensioni qui). Vi lascio tutte le info qui di seguito!



Titolo: Parlami d'amore
Autore: Helen J. Evans
Editore: Self-publishing
Genere: Romance contemporaneo
Pagine: 248 (ebook)
Prezzo: 1,99€
Data di uscita: 29 settembre 2017

Amazon - Facebook (pagina autrice)

Trama

Amy Walsh ha tutto quello che desidera: una carriera in una casa editrice, alcuni romanzi pubblicati in libreria e soprattutto ha James, il ragazzo con cui sta dai tempi dell’università. Ha intenzione di costruire insieme a lui una famiglia, e sta facendo mille sacrifici per riuscire ad avere il matrimonio che ha sempre sognato. 

Ma quando Amy scopre che James la tradisce, tutto il suo mondo crolla come un castello di carte. Distrutta dal dolore e dalla delusione, si rifugia a casa dei suoi amici Katy e Richard nel paesino di Dilton Marsh, e proprio lì incontra Matthew. E, nonostante il cuore spezzato, forse Amy riuscirà a ritrovare la fiducia nell’amore.


Lo sto leggendo proprio in questi giorni! Vado a rilento per via del dolore martellante, ma per il momento mi piace! Appena l'ho visto mi sono innamorata di quella cover! ♥ Complimenti a Helen per la scelta e per la semplicità, che premia sempre! Adoro i romanzi che trattano l'argomento dei libri, per di più la protagonista è una scrittrice/editor, quindi ancora meglio! Non vedo l'ora di poter proseguire. Per adesso sono alle prese con una telefonata un po' sospetta... 
Spero di aggiornarvi presto!
Tania

domenica 1 ottobre 2017

Release Blitz "eSTREmo inGAnno" di Cristina Vichi

Buongiorno a tutti!!

Come state? Io sono ancora in vacanza, ma devo dire che sono riuscita a lavorare anche da qui (mi sento una eremita più che una vacanziera, perché la mia casa in Puglia si trova in un paesino quasi sperduto 😂). Fortuna che internet funziona, non sempre, ma col cellulare non potevo pretendere chissà cosa...
Comunque, oggi il mio blog ha il piacere di ospitare il Release Blitz di "eSTREmo inGAnno" di Cristina Vichi. Vi lascio tutti i dettagli qui di seguito e non perdetevi l'estratto alla fine del post!! ^^





Titolo: eSTREmo inGAnno
Autore: Cristina Vichi
Genere: Dark Fantasy, Paranormal.
Editore: Selfpublishing
Pagine: 162
Prezzo Ebook: € 2,99 Aderisce al Kindle Unlimited
Prezzo Cartaceo: € 8,00
Pubblicazione: 01/10/2017
Link di acquisto: eSTREmo inGAnno

Trama
Nel 1717 una giovane sventurata bruciò viva sul rogo, accusata di stregoneria. Quella drammatica storia fu tramandata nei secoli e il luogo della tragedia prese il nome di Katherine’s City, in memoria della ragazza.
Kassy, diciassettenne del 2017, per strane e oscure ragioni si ritrova a vivere in prima persona la storia di Katherine, la Regina Rossa, scoprendo sulla propria pelle verità dimenticate, segreti inconfessabili e terribili maledizioni.
In un susseguirsi di scoperte sempre più inquietanti, l’angoscia di Kassy raggiunge l’apice quando capisce che la Regina Rossa non le ha rubato solo il corpo, lei vuole anche la sua anima, lei vuole scambiare i loro destini.
Chi brucerà sul rogo in quel terribile 17 ottobre 1717?




L'autrice
Cristina Vichi vive a Riccione, insieme al marito e tre figli.
Ha sempre amato molto inventare storie, ma dopo la stesura del primo romanzo la scrittura diventa una passione vera e propria. L’incontro con la Editor Emanuela Navone è illuminante, perché le permette di sperimentare l’universo della scrittura con maggior consapevolezza e nuovi stimoli.

Quando si conclude un romanzo non conta solo il risultato in sé, ma soprattutto il percorso che l’autore ha compiuto per arrivare a mettere la parola fine alla sua opera.

Di seguito le sue opere:
“Celeste: L’Ardore di una Donna” (Seconda edizione: 24/07/2016). Romance/Avventura autoconclusivo e prequel di “Celeste: La Forza di una Regina”.
“Destini Ingannati” (Seconda edizione: 06/01/2017). Romance/Mistery autoconclusivo.
“Celeste: La Forza di una Regina” (10/08/2016). Romance/Avventura autoconclusivo e sequel di “Celeste: L’Ardore di una Donna”.
“E se poi te ne penti?!” (01/12/2016). Romance/Humor, autoconclusivo.
“Tander: Dentro di noi l’energia dei Fulmini” (20/05/2017). Urban/Fantasy autoconclusivo.
Blog Autore: Cristina Vichi Blog
Pagina Facebook: Cristina Vichi Autrice


Estratto

17/10/1717

La folla si accalcava, impaurita ma curiosa. Da tempo attendevano quel giorno: finalmente la malasorte se ne sarebbe andata dal paese e la sciagura avrebbe smesso di perseguitarli.
Cinque gatti randagi, magri e pieni di pulci, giravano intorno alla catasta di legna e paglia ammucchiata contro un palo al centro della piazza. Uno di loro aveva una zampa rotta, si trascinava miagolando così forte da fare accapponare la pelle.
Anche i bambini erano curiosi di vedere la strega bruciare sul rogo; tenevano strette le loro corone d’aglio e si fingevano impavidi. In verità avevano paura e mai e poi mai avrebbero guardato la strega negli occhi, neanche con la collana d’aglio stretta fra le mani.
Dal fondo della piazza apparvero due uomini che trainavano un carretto, e i boati della folla aumentarono. Ecco la strega!
Nella confusione un bambino cadde a terra e fu calpestato da tre persone che nemmeno se ne accorsero. Era il delirio. Uomini e donne gridavano e maledivano la strega; erano in tanti, quella era la loro forza oltre all’aglio.
Lei era lì, sopra quel carro che avanzava lentamente verso la morte, chiusa in una gabbia di ferro. Nonostante fosse legata, incuteva ancora paura. Il neo di fianco all’occhio sinistro e gli indomabili capelli rossi erano un chiaro segno del suo essere demoniaco; anche la sua invidiabile bellezza era motivo di accusa. Nonostante fosse stanca, spossata e indebolita dalle percosse subite, aveva uno sguardo che catturava le persone. Tanti uomini, troppi, si erano innamorati di lei e avevano compiuto adulterio verso le loro mogli.
Mentre il carretto passava, la gente stringeva le collane d’aglio, faceva scongiuri e invocava i santi. Nessuno guardava quella misera ragazza negli occhi. Nessuno ne aveva il coraggio.
La fanciulla piangeva, scrutava la folla alla ricerca di un volto compassionevole, ma nessuno faceva nulla. Se ne stavano lì con le loro belle collane d’aglio, tutti le avevano!
Il carretto raggiunse il centro della piazza, dove c’era la catasta di legna. Un uomo aprì la gabbia e la folla strattonò giù la fanciulla. Più persone la trascinarono sul rogo e le avvinghiarono polsi, caviglie e busto al palo.
Prima di appiccare il fuoco, un uomo prese la parola davanti alla fiumana di gente, che si zittì per ascoltarlo.
«Carissimi amici, ricorderemo questa data come il giorno della liberazione. Finalmente la strega brucerà all’inferno!».
Un boato di acclamazioni fece eco alle sue parole.
«Evviva il forestiero che ci ha salvato!».
«La Regina Rossa ha finito di compiere misfatti». L’uomo alzò la fiaccola in aria. «Questa donna è il demonio!».
«Bruciamola subito!».
«No!», gridò la ragazza. «Vi prego, lasciatemi andare!».
«Tu sei una strega!», urlò un bambino in prima fila. «E le streghe bruciano sul rogo!».
La ragazza lo fissò e lui si affrettò ad abbassare lo sguardo, stringendo più forte la collana d’aglio che portava al collo.
«Sì, le streghe come te bruciano sul rogo», incalzò un’altra voce.
Il destino della giovane era ormai segnato.
Il miagolare stridulo dei gatti, soprattutto di quello con la zampa rotta, si librava nell’aria. Presto anche la strega avrebbe urlato. La sua sarebbe stata una morte lenta e atroce.
«Uccidetemi subito, vi prego!». La giovane si agitava per liberarsi dalle corde che le incidevano la pelle. «Bruciatemi dopo!».
«L’anima di una strega deve bruciare insieme al suo corpo», dichiarò l’uomo che teneva alta la fiaccola.
Il fragore della folla raggiunse picchi altissimi e coprì il pianto della fanciulla.
Quando l’uomo avvicinò la fiaccola alla catasta di legna, la giovane gridò. Il fuoco sfiorò appena il pagliericcio e le prime fiamme si trasformarono in avide mani pronte ad agguantare ogni cosa. Le urla della ragazza divennero isteriche. Non sentiva male, non ancora, solo un po’ di calore, ma la paura era ormai fuori controllo. Si dimenava osservando la paglia ardere sotto i suoi piedi scalzi, si divincolava come un serpente per sfuggire al fuoco. Non voleva che le fiamme si impossessassero di lei. Quello strattonare violento le lacerò la pelle delle caviglie e dei polsi. L’ispida corda si tinse di rosso.
Le fiamme danzavano intorno alla giovane e si allungavano per afferrarle i calcagni. Ardevano dal desiderio di abbracciarla e diventare un tutt’uno con lei.
La folla assisteva muta, impassibile. Ormai le urla della ragazza e il miagolare dei gatti erano gli unici strazianti rumori della piazza.
In sporadici momenti di lucidità, la ragazza si guardava in giro alla ricerca di un’àncora di salvezza, ma nessuno aveva pietà di lei.
Le fiamme raggiunsero i suoi piedi e iniziarono a tormentarli, presero coraggio e si avvilupparono intorno alle cosce fino all’inguine. Il vestito si incendiò. Le lingue di fuoco si eccitarono, prede di una frenesia divoratrice che le aizzava a spingersi sempre più in alto. Scalpitavano come cavalli impazziti, galoppavano sul corpo della fanciulla, bramose di fondersi con lei. La accarezzavano con passione ardente: volevano entrare in lei, possederla fino al suo ultimo respiro. All’odore di fumo si mischiò quello acre di carne bruciata.
Le grida diventarono disumane.

La strega stava bruciando viva.






Cover bellissima (mi piace tantissimo quel castello *-*), non trovate? Rende l'idea di un bel dark fantasy! Complimenti a Cristina per la scelta! La trama è davvero intrigante e spero proprio di riuscire a leggerlo.
In bocca al lupo per la nuova pubblicazione, Cry! ♥
Un saluto e a presto,
Tania