venerdì 3 luglio 2015

[Recensione] Campari a colazione di Sara Crowe

Buongiorno a tutti!
E buon venerdì! Oggi vi lascio la recensione di un libro carinissimo che ho apprezzato dall'inizio alla fine!


Titolo: Camapari a colazione
Autore: Sara Crowe
Editore: Harlequin Mondadori
Genere: Narrativa

Pagine: 358
ISBN: 978-8869050077
Data pubblicazione: 05 maggio 2015
Prezzo:  € 12,90


Trama
È il 1987 e il mondo di Sue Bowl cambia per sempre. Come se non avesse abbastanza problemi con i suoi diciassette anni, il padre se la fa con un'orribile mangiatrice di uomini di nome Ivana. Ma la madre l'ha sempre spinta a fare del proprio meglio con quello che si ha, e ora ciò che le è rimasto sono il suo amore per la scrittura e una zia a dir poco stravagante. Così Sue si trasferisce per un po' nella malmessa magione di famiglia di zia Coral, Green Place, insieme a un numero sempre crescente di eccentrici personaggi. Lei non vede l'ora di compiere vent'anni, invece zia C. desidera con tutta se stessa averne ancora 30. E come ama ripetere, citando Oscar Wilde: "La tragedia della vecchiaia non è essere vecchi, ma essere giovani". Tra un improbabile gruppo di scrittura, amori adolescenziali e svendite di borse, Sue avrà modo di scrivere , di scoprire cos'è l'amore e di bere il suo primo Campari a colazione. E chissà, forse imparerà anche una cosetta o due che l'aiuterà a fare pace con il passato.

Recensione
Vorrei per prima cosa ringraziare la Harlequin Mondadori per avermi inviato una copia del romanzo! Appena l'ho visto nel pacchettino sono saltata come un grillo parlante! ^^
Quando ho letto la trama, poco prima dell'uscita, mi ha incuriosito subito per via del tempo e del luogo di ambientazione, ma anche perché la protagonista Sue ama scrivere e ha il sogno di diventare una scrittrice. Io adoro i libri che hanno come protagonisti gli scrittori, i ghostwriter o qualsiasi altra figura abbia a che fare con i libri (bibliotecari, sia per quanto riguarda la narrativa sia per il fantasy). E questo libro sembrava fare al caso mio. Anche la copertina ha contribuito molto, perché ha dei colori allegri che mi ispiravano simpatia. E non c'ho visto male, sapete! Nonostante io sia cieca come una talpa! Dire che questo libro è ironico è riduttivo. Lei e sua zia Coral sono un’accoppiata travolgente: dai malintesi, ai commenti sui racconti del gruppo di scrittura-quasi terapeutico, all’invenzione di molti termini e storpiature di parole già esistenti. In certi punti era davvero esilarante. Ho sorriso durante tutti i trafiletti riguardanti i racconti del gruppo di scrittura capeggiato da zia Coral e composto da tutti gli inquilini (ma non solo) di Green Place. E' qui che maggiormente esplode l'ironia di Sue, ma anche la stramberia di zia Coral.
La parte divertente è compensata da una parte un po’ triste. L’autrice ha saputo dosare bene i sentimenti di Sue, evitando di cadere troppo nel drammatico. 
La povera Sue si trova a diciassette anni orfana di madre, dopo che lei si è tolta la vita in circostanze misteriose – circostanze che, secondo me, sono un pochino deboli, ma forse quando la disperazione sovrasta la ragione, non c’è più niente da fare, purtroppo. Ad ogni modo, queste circostanze, si scopriranno nel corso del libro, con rivelazione finale - e con un padre che si sta per sposare con Ivana, la sua amante. Non solo è costretta a trasferirsi in un'altra casa (enorme! *___*) che non è la sua, ma deve combattere anche con un'odiosa coetanea che le metterà i bastoni tra le ruote e a lavorare in una tavola calda per contribuire alle spese di sua zia Coral e tentare di ripagare i suoi debiti, contratti per riportare a nuovo la casa, ma anche per colpa del suo vizietto dello shopping compulsivo, nato per compensare la sua mancanza d’amore. Ma a parte tutto questo, Sue, non si perde d'animo e va avanti, a testa alta, mantenendo i nervi saldi, anche quando scopre dei particolari sconcertanti a proposito della famiglia di sua madre. Ah sì! In questo libro c'è tutto! Anche il giallo e un certo alone di mistero che sovrasta Green Palce e i suoi sinistri e paranormali rumori notturni. Ma oltre il giallo, c'è anche il Rosa-Romantico, con le R maiuscole, perché Sue è una sognatrice; è una ragazza che aspetta l'amore vero, quello che le fa battere il cuore, che però, non sembra arrivare mai, fino a quando, alla tavola calda, conosce il meraviglioso ma inarrivabile Icarus. Se ne invaghisce talmente tanto da dormire con una delle fotografie rubate - che ritrae uno dei suoi stupendi occhi - sotto il cuscino. Roba inquietante e maniacale, ma a lei basta quello per averlo vicino, dato che lui neanche la considera. Ma se ce n'è uno che non se la fila, un altro le fa una corte sfrenata, travolgendola con la sua dolcezza e la sua semplicità: Joe, il fratello di Icarus. Io l'ho apprezzato molto come personaggio. E' uno dei miei preferiti del romanzo e in qualche modo contribuisce anche al titolo del libro, che io trovo di una dolcezza spropositata, Campari a parte. Quel Campari a colazione ha un significato insito che è tutto uno spettacolo! Mi sono venuti gli occhi a quadruplo cuoricino (2 per gli occhi e 2 per gli occhiali) a 26 anni. Rendiamoci conto. ♥♥_♥♥
La storia di Sue è intervallata anche da quella di zia Coral, grazie al suo Zibaldone, che in pratica è una sorta di diario sul quale, durante la sua vita, ha annotato tutti i suoi pensieri e gli avvenimenti principali avvenuti a Green Place. Mi è piaciuta molto anche la parte storica di questo libro, ambientata durante la seconda guerra mondiale. Ha dato un tocco in più all'intera storia, anche perché all'interno di quello Zibaldone, senza volerlo, zia Coral, aveva già trovato la soluzione a uno dei misteri della sua famiglia.
Eh eh eh, vi ho incuriositi, almeno un pochino? Lo dovete leggere, assolutamente! E' un romanzo delizioso e delicato che è raro trovare in giro al giorno d'oggi.

Valutazione
Copertina: 7
Trama: 7.5
Stile: 7.5



Dunque, che ve ne pare? Lo leggerete? Lo avete già letto? Fatemi sapere!
Un saluto,
Tania

7 commenti:

  1. Mi hai incuriosita tantissimo! :D Ed ecco che un altro libro si va ad aggiungere alla wishlist XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh sììììì!!! Lo devi leggere!!! :D

      Elimina
  2. Mi ha sempre ispirato tanto dalla prima volta in cui l'ho visto.. la tua recensione mi ha incuriosita ancora di più ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta! Ahaha merita davvero! Anche solo per le battute di zia Coral! XD

      Elimina
  3. Una recensione esaustiva, hai toccato tutti i punti, e mi hai fatto venire voglia di rileggerlo, pensa te XD Shiii, Joe era dolcissimo, e zia C. è adorabile ^^ Sono stata contenta ci averlo letto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. XD Ahahhah!! Ti ringrazio! Guarda a me è dispiaciuto finirlo! Prima o poi lo rileggerò! ^^

      Elimina
  4. Questo libro sembra davvero carino! :) E complimenti per la recensione :)

    RispondiElimina